Slide background
Slide background
Slide background

Biologia

Gli insetti sono responsabili delle più importanti perdite quali-quantitative del cereale immagazzinato. Forti attacchi possono causare innalzamenti della temperatura e dell’umidità causando anche la possibilità di attacchi fungini (con produzione di micotossine). Molti trasformatori ed esportatori della derrata richiedono un cereale assolutamente privo di insetti per poter essere vendibile, destinabile alla lavorazione e/o produzione di semente.

Le derrate immagazzinate sono facile bersaglio di minuscoli insetti dannosi in genere Coleotteri, ma anche Lepidotteri e Ditteri. Spesso tali insetti sono già presenti nell’ambiente di stoccaggio prima dell’arrivo della materia prima, in altri casi invece possono pervenire direttamente con la materia prima già colonizzata o entrare in secondo momento attraverso le aperture presenti nel magazzino. Sovente si ha a che fare con specie detriticole che recano anche gravi danni alle granaglie, sia quantitativi che qualitativi.

Per mezzo degli scambi commerciali il rischio di diffusione delle specie nocive è divenuto conclamato, tanto da imporre rigorosi controlli in entrata della materia prima dell’immagazzinamento. È altresì vero che allo stato attuale molte delle specie infestanti sono ormai ubiquitarie, quindi un piano di lotta stagionale è da considerarsi obbligatorio. Il microclima favorevole negli ambienti di stoccaggio e la rapidità di sviluppo degli insetti concorrono a provocare un rapido e generalizzato attacco alle derrate che si può, in breve tempo, espandere alla merce già imballata e pronte al commercio.

infestanti-cereali

Tra i Coleotteri dannosi si annoverano i Punteruoli (Sitophilus spp.), il Cappuccino (Rhyzopertha dominica), il Silvano (Oryzaephilus surinamensis) e i vari Anobidi (Anobio del pane e anobio del tabacco). Questi insetti aggrediscono direttamente la cariosside o l’imballaggio e possono essere rinvenuti nei magazzini, nei pastifici e nelle riserie. Facendo riferimento all’ordine dei Lepidotteri, è frequente il volo al crepuscolo di farfalle comunemente chiamate Tignole.